PROPONENTE MICHELE SPAGNUOLO – Play Marche
NOME/TITOLO IDEA PORTALE Marche (TRIVAGO Style) – titolo da definire
SINTESI IDEA Tale progetto si prefigge come obiettivo quello di creare un portale in cui siano promossi i prodotti tipici del territorio, comparando i prezzi delle diverse aziende enogastronomiche per un prodotto specifico.

Tutto ciò nasce dall’idea di incorporare tutti i piccoli imprenditori che hanno subito danni durante il sisma, incentivando anche la partecipazione di altre aziende del territorio.

Inoltre, si intende portare visibilità all’attività svolta dalle tante associazioni nate successivamente al terremoto, dando loro modo di poter continuare il loro lavoro supportati da una piattaforma online.

Il progetto prende spunto dal sito web “Trivago”, portale dove si ha la possibilità di comparare le diverse offerte presenti in una determinata località. Il principio d’azione sarà lo stesso, portando per uno specifico prodotto tipico differenti proposte (che saranno poi filtrate non solo per il prezzo, ma anche per quantità d’ordine e particolari condizioni di vendita). Il potenziale acquirente potrà selezionare, in base alle proprie esigenze, cosa vuole comperare. Così facendo, si incentiverà l’economia della nostra regione.

Tale piattaforma, in caso di successo, propone di allargare le proprie offerte anche alle attività turistiche, agli alberghi e all’intrattenimento proposto dal nostro territorio.

OBIETTIVI ·         Mettere in rete tutti gli operatori e le esperienze per fare “squadra” ed evitare speculazioni di prezzo, creando un intermediario tra le varie associazioni.

·         Tenere vive le relazioni e le reti nate durante il sisma.

·         Partire dal prodotto tipico per espandersi a vendita di festival, agriturismi, hotel, esperienze.

PARTNER

– PRESENTI

– DESIDERATI

PARTNER PRESENTI ALL’EVENTO

Copagri

PARTNER DESIDERATI/NECESSARI

Daje Marche, Jemo, Coraggio Marche tutte le associazioni nate prima e dopo il sisma.

Comune, province, regione ed associazioni di categoria.

TERRITORIO DI RIFERIMENTO (dove realizzare l’idea) Regione Marche
TEMPI DI REALIZZAZIONE 2 mesi per incontrare stakeholders.

Massimo 6 mesi.

RISORSE FINANZIARIE

– EFFETTIVE

– PREVISTE

Playmarche costo sito contenitore

Eventuale accordo commerciale con percentuale fissa.

 

 

 

 

PROPONENTE Giulia Messere, dottoranda Università degli Studi di Macerata
NOME/TITOLO IDEA Laboratori di educazione alimentare
SINTESI IDEA Organizzazione di laboratori educativi sul territorio, per i bambini colpiti dal terremoto e le loro famiglie. I laboratori sono finalizzati ad educare a una corretta alimentazione legata al territorio, avvalendosi dei prodotti locali.

 

I soggetti individuati per l’attuazione sono coloro che ruotano intorno alla vita dei bambini: innanzitutto loro famiglie e insegnanti, poi tutti gli enti di aggregazione (centri e associazioni sportive, oratori, parrocchie, eccetera). Altri soggetti indispensabili sono ovviamente le aziende agricole dei territori colpiti, che fornirebbero le materie prime. Come tempi di realizzazione, i periodi da rispettare sono rappresentati dalla stagionalità dei prodotti stessi: finocchi e cavolfiori non saranno mai proposti ad agosto, così come angurie e meloni non saranno mai presentati in pieno inverno. Il luogo di riferimento ruoterebbe intorno alla figura di una delle risorse, l’agricoltore Stefano Gallo presente al tavolo, la cui azienda agricola “Terra di mezzo” si trova a metà strada fra il fermano e l’ascolano, nel comune di Montedinove (AP). Le altre risorse consistono negli altri soggetti presenti: Maria Teresa Ercoli che, insieme allo chef stellato Enrico Recanati per il progetto “Coraggio Marche” si offrirebbero di dare risonanza all’iniziativa e dell’elaborazione dei piatti; Giulia Messere, dottoranda dell’Università di Macerata, che definirebbe i vari step con le dovute competenze scientifiche; Raffaele Pozzi che, proveniente dalla zona di Como si trova nell’entroterra maceratese dall’estate 2016 per una scansione del territorio.

OBIETTIVI Permettere ai bambini di riacquistare una “quotidianità” tramite tali laboratori, toccando con mano che la terra trema ma continua a essere comunque fruttifera
PARTNER

– PRESENTI

– DESIDERATI

Azienda agricola “Terra di mezzo” di Stefano Gallo; agenzia di comunicazione “Marvel”; Giulia Messere, dottoranda Unimc; Enrico Recanati, chef stellato Michelin; Raffaele Pozzi, ricognizione del territorio Aziende agricole dei territori marchigiani colpiti dal sisma; le famiglie e gli insegnanti dei bambini coinvolti; luoghi di aggregazione trasversali (oratori, parrocchie, centri sportivi, ecc.)
TERRITORIO DI RIFERIMENTO (dove realizzare l’idea) Montedinove (AP), presso l’azienda agricola “Terra di mezzo”
TEMPI DI REALIZZAZIONE Il progetto si svolgerebbe stagionalmente, seguendo il ciclo naturale della terra e dei prodotti che ne nascono
RISORSE FINANZIARIE

– EFFETTIVE

– PREVISTE

Fondi pubblici

 

Condividi la pagina